SPETTACOLO per il ciclo di insegnamento della storia
PER CLASSI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

Nominato per il Performance Award al Fringe Festival di Praga 2015
In cartellone al Fringe Festival di Brighton 2016 e Avignone Off 2017

Scarica il PROGETTO COMPLETO PER LE SCUOLE dello spettacolo

PROGETTO COMPLETO

NOTA INTRODUTTIVA
Gran Consiglio nasce originariamente come spettacolo comico-storico diretto a un pubblico straniero e anglofono, successivamente riadattato in lingua italiana. Lo spettacolo è frutto di una ricerca storica approfondita sulla figura di Benito Mussolini, un leader controverso, dalla personalità poliedrica, che ha segnato la storia d’Italia e d’Europa.

Lo spettacolo analizza Mussolini dal punto di vista umano, in una visione intimistica e sconosciuta al grande pubblico, mostrando per esempio le tecniche oratorie che Mussolini utilizzava – affinate grazie allo studio del libro “La Psicologia delle Folle” di Gustave Le Bon e che Mussolini conosceva a memoria – fino al suo rapporto con l’arte, la tecnologia e con le donne.

Allo stesso tempo nell’arco di un poco più di un’ora si illustra dal punto di vista storico la sua infanzia e formazione socialista, il rapporto con Hitler e Winston Churchill, le leggi razziali, l’entrata in guerra, e l’inesorabile caduta e sconfitta.

BREVE DESCRIZIONE DELLO SPETTACOLO
24 luglio 1943 – Il Gran Consiglio del Fascismo si riunisce per discutere la deposizione di Benito Mussolini. Rinchiuso all’interno del suo studio di Palazzo Venezia, il Duce ricorda come il destino lo ha condotto, partendo da umili origini ad essere il capo supremo dell’Italia. Un’incredibile parabola che avrebbe ispirato l’ascesa al potere di Adolf Hitler e trascinato un uomo che si credeva un genio alla totale disfatta militare. Il ritratto di un uomo autoritario e determinato, ma anche sentimentale e profondamente umano, che si rivela, intimamente, nel suo momento di maggiore vulnerabilità.

GENERE: Teatro storico-comico

INDICATO PER UN PUBBLICO: Triennio della scuola superiore di II grado, all’interno del ciclo di insegnamento della Storia.

DURATA: 60-70 minuti a seconda delle esigenze

POSSIBILI COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINARI
Oltre gli argomenti trattati nello spettacolo che si inseriscono nel ciclo di insegnamento di Storia, esistono spunti interdisciplinari che si possono trarre dalla rappresentazione, quali: letteratura europea, musica, arte, scienza e medicina.

POSSIBILITÀ DI APPROFONDIMENTO
È possibile dedicare un lasso di tempo dopo la fine dello spettacolo per un eventuale colloquio con gli studenti e con l’attore per approfondire la storia dello spettacolo stesso e comprendere le dinamiche di rappresentazione di un’opera teatrale.

ESIGENZE TECNICHE
Lo spettacolo può essere rappresentato in luoghi non convenzionali e direttamente negli istituti scolastici. Luoghi ideali possono essere auditorium o locali di grandezza adeguata. Lo spazio scenico minimo di rappresentazione è di 3 x 2 metri.

La compagnia è indipendente per quanto riguarda l’impianto audio da utilizzare. Per quanto riguarda le luci lo spettacolo può essere interpretato con illuminazione statica e la compagnia può portare, se necessario, un impianto di illuminazione adatto. Il montaggio dello spettacolo richiede meno di un’ora.


RECENSIONI
Queste sono solo alcune delle recensioni dello spettacolo. Per vedere tutte le recensioni VAI ALLA PAGINA PRESS DEL SITO.

Michael Calcott’s Fringey Bits
Mussolini che riflette sulla sua vita e carriera politica può sembrare un tema abbastanza pesante ma Tom Corradini ha creato un ritratto di un clown affascinante. Si tratta di una rappresentazione satirica che ha spessore. Uno spettacolo eccellente e una splendida performance. (leggi la recensione completa)

Lorenzo Parolin – Il Giornale di Vicenza
1943, ombre e luci su Mussolini senza usare le lenti dell’ideologia
Ci voleva l’Inghilterra per regalare a Vicenza uno spettacolo profondo e coraggioso. L’Inghilterra perché “Gran Consiglio Mussolini”, due sere fa al Bixio di via Mameli, nasce in inglese per il pubblico d’oltremanica. Lì, la seconda guerra mondiale è una pagina da leggere con gli occhi dei vincitori e Mussolini è una figura che non sposta i consensi elettorali. Così, se ne può seguire la vicenda politica e umana senza indossare le lenti dell’ideologia… (clicca qui per leggere tutta la recensione)
Recensione Giornale di Vicenza Gran Consiglio (Mussolini)

Emma Moriconi – Il Giornale d’Italia
Uno spettacolo comico ma intimo, a tratti persino romantico
(link alla recensione completa)
Il Giornale d'Italia 1 marzo

Federico Serretta – Teatro.it
Un Mussolini privato nell’ora della sua caduta (link all’articolo)

Matteo Prati – La Libertà di Piacenza
Mussolini, il percorso umano e politico (clicca sull’immagine per ingrandire l’articolo)
Recensione La Libertà di Piacenza 17_12_2016

Emma Moriconi – Il Giornale d’Italia
La notte più lunga del Duce tra  (clicca sull’immagine per ingrandire l’articolo)
Il Giornale d'Italia 18 gennaio 2017