Gran Consiglio

Un serio lavoro di documentazione sulle fonti originali e storiografiche unito ad una fisicità e ad un talento d’attore non comuni fanno di questo spettacolo un’ottima lezione sulla storia del fascismo italiano e del suo fondatore. Tom Corradini – nelle vesti di un Mussolini appena sfiduciato dai suoi gerarchi – evoca di volta in volta persone ed eventi della vita del dittatore, ricostruendone la psicologia e le disastrose scelte politiche. Si materializzano così in scena il vecchio padre socialista, la moglie e le amanti, Churchill e Hitler, figure attraverso le quali Mussolini cerca di trovare (invano) le ragioni e le giustificazioni della sua sconfitta. Consigliato per le classi dell’ultimo anno delle superiori.

Fabio Popolla Docente Liceo "Bodoni" Saluzzo (CN) Gran Consiglio (Mussolini) 10 febbraio, 2019